Valentina Conio, Rita Di Domenica, Alessandro Cascina S.C. Pneumologia, Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo, Pavia Q.C. maschio di 68 anni, ex fumatore, nel settembre 2014 giungeva alla nostra osservazione per tosse produttiva, dispnea ingravescente, in assenza di ipertermia. In anamnesi leucemia mieloide cronica nota dal 2003, cardiopatia ischemica cronica, ipertensione arteriosa, malattia renale cronica stadio III. Al momento della diagnosi ematologica veniva avviato trattamento con imatinib, successivamente sospeso per l’insorgenza di pancreatite acuta e, nel marzo 2012,  sostituito con dasatinib. Nel gennaio 2013 veniva riscontrata comparsa di versamento pleurico bilaterale. Gli ematologi curanti, ipotizzandone l’origine iatrogena, riducevano la posologia del farmaco e impostavano un follow-up radiologico. All’ultimo controllo radiologico effettuato nel febbraio 2014 era presente versamento pleurico bilaterale, di modesta entità, stabile rispetto ai precedenti controlli. Ultima valutazione ematologica effettuata nell’agosto dello stesso anno: in considerazione della sostanziale stabilità clinica del paziente e della buona risposta ottenuta con dasatinib, si decideva di

Questo contenuto è riservato ai membri del sito. Se sei un utente già esistente, fai il login. I nuovi utenti possono registrarsi qui sotto.

Existing Users Log In