Giuseppe Insalaco Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Biomedicina e di Immunologia Molecolare “A. Monroy”, Palermo L’apnea ostruttiva nel sonno (OSA) è una patologia ad elevata prevalenza; nella fascia di età tra i 30 e 60 anni è presente in circa il 9% del genere femminile e il 24% di quello maschile. Sempre maggiori sono le evidenze che riguardano l’impatto socio-economico dell’OSA quando non trattata. Tale disturbo può infatti determinare importanti ripercussioni riguardanti la salute e la qualità della vita, oltre ad eccessiva sonnolenza diurna con conseguente aumentato rischio di incidenti domestici, sul lavoro e alla guida. I disordini del sonno, così come l’utilizzo di alcool e di droghe, il tempo di guida prolungato, lo stress elevato, la ridotta attenzione (uso dello smartphone, la sigaretta), le caratteristiche delle strade ed il traffico contribuiscono all’aumento di incidenti stradali. La principale causa di sonnolenza diurna nel mondo occidentale è comunque rappresentata dalla

Questo contenuto è riservato ai membri del sito. Se sei un utente già esistente, fai il login. I nuovi utenti possono registrarsi qui sotto.

Existing Users Log In