Gennaro D’Amato1, Maria D’Amato2 1Chairman Committee “Aerobiology, Climate Change, Biodiversity and Allergy” World Allergy Organization. Componente commissione G7 su “Climate change and health”. Già Direttore Divisione di Malattie Respiratore e Allergiche, Dipartimento di Malattie Respiratorie, Azienda Ospedaliera ad Alta Specialità A. Cardarelli, Napoli, 2018 AAAAI Foundation Award and Louis Mendelson Lectureship on “Trigger factors of severe asthma and Near Fatal Asthma”; 2UOC Malattie Respiratorie “Federico II” , Ospedale Monaldi- AO Dei Colli-Napoli Azienda Ospedaliera-Universitaria ad Alta Specialità Monaldi – Dei Colli ed Università ‘Federico II’ Medical School, Napoli Il 21 novembre 2016, a Melbourne, in piena primavera australiana, oltre 9.000 persone in una sola giornata furono assisitite negli ospedali e negli ambulatori della città per accessi di asma grave e dieci giovani pazienti purtroppo morirono (1-10). Altrettante migliaia furono le telefonate ricevute da medici e paramedici per problemi respiratori spesso insorti anche in persone che non avevano storia di asma

Questo contenuto è riservato ai membri del sito. Se sei un utente già esistente, fai il login. I nuovi utenti possono registrarsi qui sotto.

Existing Users Log In